Sono certa che molti amici giornalisti scriverebbero con piacere un mio profilo professionale ma ho deciso di farlo in prima persona, sperando non appaia “autocelebrativo”. Lo scrivo per regalarmi e regalare a chi mi segue da anni l’emozione di tanti ricordi pur nella sintesi che il web esige.

Io… Presentatrice
Così ho iniziato la mia carriera a 18 anni, in parallelo ai miei studi universitari. L’emozione del contatto diretto con il pubblico ha vinto la mia timidezza e mi ha insegnato ad improvvisare, senza copione, su i più diversi argomenti nelle più varie occasioni. L’emozione di tante e tante presentazioni, tra le quali una ha senz’altro un posto speciale “Il Treno della Moda di Gioia”, la prima manifestazione itinerante della moda, che ho presentato in tutte le sue quattro edizioni che ha inaugurato il mio lungo innamorato viaggio nel meraviglioso mondo della moda italiana, delle sue tante sfilate e passerelle a Palazzo Pitti a Firenze, Palazzo Grassi a Venezia, nella Grande Milano della Moda, nel nostro Bel Paese e all’estero.

Io… Giornalista
Le mie emozioni di giornalista si legano a tante Testate con le quali ho collaborato, ma i ricordi più emozionanti sono gli anni trascorsi al Quotidiano La Notte dalle cui pagine ho raccontato le serate mondane, le sfilate più importanti, le curiosità e le realtà di quello che poi è diventato la Moda e il Lifestyle italiano che tutto il mondo ci ammira.
In quegli anni è nata la mia amicizia e stima con alcuni grandi stilisti che hanno fatto la storia della moda, alcuni di loro purtroppo scomparsi ma che restano indimenticabili come Gianni Versace, Gianfranco Ferrè, Roberta di Camerino, Luciano Soprani, Mila Schon, Krizia, Ottavio Missoni. Nicola Trussardi, Elio Fiorucci, e l’amicizia e la stima per i grandi e celebrati stilisti contemporanei sempre sulla cresta dell’onda come Giorgio Armani, Laura Biagiotti, Ermanno Scervino, e tanti altri.

Io… e le Prime alla Scala
Nella mia carriera tante emozioni particolari si legano anche alle note della grande musica, iniziata presentando le tournée dei grandi musicisti e cantautori italiani, il Festival della Canzone Italiana a New York, e proseguita raccontando anche le tante Prime alla Scala che, da più di 20 anni, sono felice e onorata di poter far vivere al pubblico in tutta la magia del Teatro più famoso del mondo, dell’eleganza del suo Foyer, e dello stile e parterre esclusivo del DopoScala.

Io… e la Televisione
Le mie emozioni televisive sono iniziate presto con alcune partecipazione e soprattutto con molte Dirette Tv (anche per la Rai), e son proseguite poi anche con mie trasmissioni e talk show quali l’Altalena dei Vip dove ho potuto intervistare decine e decine di celebrità.
Mi sono divertita con la simpatica esperienza di due anni di “Quelli che il calcio” dove ho “interpretato” la Signora in rosa, uno dei miei colori preferiti che proprio in quelle stagioni ho contribuito a rilanciare e che chissà forse suggerirono a Gucci di vestire di rosa la sua passerella e ispirarono a Gianfranco Ferre’ la sua collezione.
Un’emozione particolare il mio Talk Show per anni a TeleLombardia dove nel mio salotto si sono seduti i più celebri attori teatrali e cinematografici, i più famosi cantanti e tantissimi stilisti, dai miti della moda Pierre Cardin e Roberto Capucci agli allora giovani Domenico Dolce e Stefano Gabbana, destinati a diventare star mondiali.

Io… e Copertina Lifestyle
Copertina Lifestyle è da molti anni l’espressione della mia passione, la trasmissione alla quale dedico più tempo e più entusiasmo professionale.
Un mondo di emozioni e ricordi, che guarda sempre con attenzione al futuro, alle nuova generazioni della moda, del design, del lifestyle, alle nuove figure vivaci quali i giovani appassionati bloggers, ai quali darò sempre più spazio tanto qui sul portale di Copertina Lifestyle, così come nell’edizione televisiva di Copertina, sui maggiori Social Network ed Emittenti italiane e internazionali.

Nella mia vita di presentatrice e giornalista ho conosciuto tanti protagonisti del nostro tempo, e anche consegnato loro tanti premi. Ne ho consegnati tanti e ne ho anche ho ricevuto qualcuno, come l’Oscar Italiano per la presentazione e al Premio Nazionale dell’Ascesa a Roma in Campidoglio, l’onorificenza di Commendatore ricevuta dalla Presidenza della Repubblica e l’Ambrogino d’oro assegnatomi dal Comune di Milano, ma l’emozione più grande, il vero premio che ho sempre rincorso è stato potermi rivolgermi al pubblico, a ciascuno delle persone che mi seguono e mi hanno seguito in televisone o attraverso miei articoli. La vera emozione di un giornalista è raccontare, e la mia emozione e il mio desiderio di raccontare spero possa continuare sempre a essere al vostro servizio e guardare insieme il futuro… pensando in rosa!

Vostra… Anna Mascolo.”

album